Serie A2 F – Giorgia Sironi nuovo rinforzo del BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY

Altra novità in casa BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY per la stagione 2020/2021 in serie A2, la società universitaria è lieta di ufficializzare Giorgia Sironi.
Opposto, classe 1995, Giorgia è nata a Monza. Ha iniziato a giocare a pallavolo in Under 16 al Monza PRO Victoria – Verovolley, in quanto prima ha praticato sci agonistico, disputando gare nazionali ed internazionali che l’hanno portata a diventare Maestra di Sci Alpino. È poi passata alla Di.PO. Pallavolo Vimercate nel campionato provinciale di Prima Divisione e Under 18. Dalla stagione 2013/2014 ha partecipato prima al campionato regionale di serie D con il Volley Agrate e successivamente, dopo la promozione, al campionato di serie C sempre con la società Volley Agrate in Agrate Brianza (MB). Nel 2015/2016 ha preso parte al campionato di serie B2 nazionale con la società A. Picco in Lecco (LC). Nel 2016/2017 al campionato di serie B1 nazionale con la società C.S. Alba Volley in Albese con Cassano (CO) in cui ha militato anche nella stagione successiva (2017/2018). Nel 2018/2019 ha giocato in B1 nelle fila dell’A. Picco in Lecco (LC) e nel 2019/2020 in B1 con la società Ostiano Volley (CR).
Giorgia è laureata in Scienze Motorie all’Università degli Studi di Milano e sta frequentando il secondo anno della Laurea Magistrale in Sport e Salute, sempre all’Università degli Studi di Milano.
Ama la montagna, sia d’estate che d’inverno, adora ascoltare la musica italiana e disegnare. Il suo hobby è lo sport in generale: ama la bicicletta, quella da corsa in particolare, nuotare, sciare e camminare in montagna.
Queste le sue prime parole con la maglia del Centro Universitario Sportivo torinese: “sono felicissima di cominciare questa nuova esperienza e di potermi finalmente mettere alla prova con una società rinomata come il CUS Torino. Non vedo l’ora di conoscere tutte le mie nuove compagne e lo staff con cui lavorerò quest’anno. Ho avuto subito un’impressione positiva dell’ambiente CUS: sono tutti molto disponibili e già da subito ti fanno sentire come se fossi in famiglia. Inoltre, penso che sia fantastico che questa società ti permetta di conciliare lo studio universitario con lo sport ad alto livello, cosa che raramente è possibile: ho vissuto molte realtà sportive in diverse discipline e lo studio era sempre posto in secondo piano. Sono pronta ad iniziare questo percorso per dare il massimo del mio contributo alla squadra“.

Complesso Sportivo Universitario di via Panetti: presentazione del progetto di riqualificazione ed ampliamento

Oggi, mercoledì 8 luglio 2020, alle ore 12.00, nella sala Clab del Palazzo del Rettorato dell’Università di Torino (Via Verdi 8) è stato presentato alla stampa il progetto di riqualificazione ed ampliamento del Complesso Sportivo Universitario di via Panetti.

Sono intervenuti Stefano Geuna, Rettore dell’Università di Torino, Riccardo D’Elicio, Presidente del C.U.S. Torino, Sandro Petruzzi, Direttore per l’edilizia e la logistica dell’Università di Torino e Alberto Rainoldi, Vice-Rettore al Welfare, Sostenibilità e Sport dell’Università di Torino.

Il progetto edilizio, del valore di 1.5 milioni di euro, rientra negli obiettivi strategici dell’Ateneo di procedere alla riorganizzazione, ricondizionamento e potenziamento del proprio patrimonio al servizio degli studenti e di valorizzare la ricerca in ambito sportivo, tecnologico e di welfare.

Il centro di Via Panetti infatti, già sede di molte delle attività del Corso di Laurea di Scienze delle Attività Motorie e Sportive dell’Università di Torino ospiterà una struttura di ricerca all’avanguardia che prevede l’implementazione sugli impianti indoor ed outdoor di tecnologie per l’analisi delle prestazioni sportive. Telecamere, sensori, postazioni di lavoro monitorate, renderanno possibile la registrazione di informazioni quantitative utili per valutazioni fisiologiche degli atleti, l’analisi tecnica e tattica della perfomance sportiva e la modellazione delle prestazioni.

Il Complesso di via Panetti, situato all’interno del Parco Colonnetti (via Modesto Panetti 30, Torino) è di proprietà dell’Università di Torino che ha concesso al C.U.S., attraverso apposita Convenzione, la gestione finanziaria, manutentiva e sportiva dell’impianto.

La realizzazione dell’opera di riqualificazione ed ampliamento consentirà di costruire un nuovo blocco spogliatoi, servizi per studenti ed atleti e di adeguare e ampliare gli spazi. La struttura ad oggi offre ai suoi utenti 1 pista di atletica leggera completa di pedane per salti e lanci; 3 campi da calcio a 5 in erba sintetica; 1 campo da calcio a 7/8; 4 campi da beach volley coperti; 2 campi da tennis, coperti nella stagione invernale e in sintetico; 1 palestra pavimentata con parquet dotata di tribuna per la pallavolo, la pallacanestro ed altre attività indoor.

Nel dettaglio, il progetto di riqualificazione ed ampliamento del Complesso Sportivo Universitario di via Panetti prevede la realizzazione di un nuovo blocco di spazi costituito da 5 nuovi spogliatoi con relativi servizi, una palestra e l’estensione della sala pesi esistente, tale da risultare conforme alle leggi ed in condizioni di igiene e sicurezza per tutti gli utenti, atleti, arbitri e personale addetto. Questo blocco sarà il naturale proseguimento della manica principale già esistente destinata a servizi vari, uffici e spogliatoi. Verrà inoltre effettuato il retopping del manto di usura della pista di atletica leggera e delle pedane dei salti; la sostituzione del manto in erba sintetica dei campi da calcio a cinque e a sette presenti all’interno dell’anello di atletica; la sostituzione del manto di usura dei campi da tennis in terra rossa sintetica e la riqualificazione energetica partizioni esterne della palestra esistente.

L’impianto negli anni ha ampliato la sua dotazione nei diversi settori rispondendo in maniera efficace ad un aumento della multi-disciplinarità sportiva. La struttura è rimasta un po’ carente, a causa del sempre maggiore affollamento, nell’offrire agli utenti e agli addetti ai lavori adeguati spazi di servizio, e quindi spogliatoi più confortevoli e maggiori spazi di preparazione atletica. Quando l’impianto è stato concepito l’offerta sportiva era nettamente inferiore e gli spazi spogliatoi risultavano adeguati. Oggi invece l’attività è cresciuta e tali spazi non risultano più efficaci. Si è reso quindi prioritario un intervento che risponda a tali carenze, conformemente a quanto indicato nelle NORME CONI PER L’IMPIANTISTICA SPORTIVA – Approvate con deliberazione del Consiglio Nazionale del CONI n. 1379 del 25 giugno 2008.

“Il Complesso di Via Panetti rappresenta un ulteriore investimento importante di UniTo nella valorizzazione dei servizi agli studenti, nell’innovazione della didattica e della ricerca. Al contempo, è la dimostrazione di come l’Università di Torino sia un presidio culturale diffuso, presente cone le sue eccellenze in tutte le aree della città. La politica degli spazi di UniTo è una leva di rigenerazione e riqualificazione che impatta in modo positivo su tutto tessuto urbano. L’Università è così sempre più parte integrante della città – dichiara Stefano Geuna, Rettore dell’Università di Torino. In particolare, oltre alle applicazioni legate alla didattica e alla ricerca, in coerenza con la mission istituzionale dell’Ateneo, il nuovo centro sperimentale è un’occasione di potenziamento e di trasferimento delle competenze sviluppate dai nostri ricercatori a soggetti, pubblici e privati, che così possono beneficiare dei risultati della ricerca universitaria”.

“Un ringraziamento straordinario da parte del Centro Universitario Sportivo torinese al Rettore Geuna – aggiunge Riccardo D’Elicio, Presidente CUS Torino – che ha creato le condizioni per riqualificare via Panetti, l’impianto più polivalente di tutto il centro con oltre 130mila passaggi annuali. Con oltre 40 anni di vita, la struttura è molto datata e questo restyling permetterà di valorizzarlo ulteriormente. In un momento così complicato UniTo è riuscito a trovare i finanziamenti per questo progetto, pertanto anche il CUS si è sentito fortemente coinvolto con l’obiettivo di far diventare via Panetti uno degli impianti più importanti dell’intera regione. Sono sicuro che il rifacimento della pista di atletica, degli spogliatoi e dei campi creerà uno stimolo maggiore agli studenti, che avranno sempre più voglia di frequentarlo e conoscerlo. L’obiettivo è quello di creare le condizioni di integrazione e socializzazione degli studenti stessi, per far sì che il servizio sport diventi un tassello fondamentale del welfare dei nostri Atenei. Anche questo progetto andrà a qualificare i servizi che la nostra università eroga agli studenti, includendo anche progetti di ricerca sul valore scientifico dello sport nei confronti della prevenzione e della prestazione”.

“Oltre a ristrutturare gli spazi – spiega Alberto Rainoldi, Vice-Rettore al Welfare, Sostenibilità e Sport dell’Università di Torino – l’Università ha deciso di rendere questo hub sportivo anche un luogo dove sia possibile fare ricerca nel settore delle scienze motorie. L’installazione di telecamere e sensori permetterà di fornire dati e misure utili a valutare in tempo reale la performance durante gli allenamenti e le partite. La possibilità di accedere a dati di questo tipo è utile per la ricerca universitaria: due interessanti risultati nel volley e nel rugby sono stati recentemente pubblicati su prestigiose riviste internazionali. Tuttavia l’aspetto forse più innovativo sarà fornito dalla possibilità di far sperimentare l’accesso a questo tipo di informazioni direttamente agli studenti al fine di offrire loro una esperienza didattica ancora più completa e formativa di quanto già non accada. Ricordiamo qui che nei due anni precedenti il corso di Laurea Triennale di Torino è stato valutato come il migliore a livello nazionale”.

Serie A2 F – BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY: in regia per il secondo anno Rebecca Rimoldi

Per il secondo anno consecutivo il BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY potrà fare affidamento su Rebecca Rimoldi.
Anche per la stagione 2020/2021 in serie A2, la formazione universitaria guidata da coach Mauro Chiappafeddro potrà contare sulla regia della giovane palleggiatrice milanese. 
Nata a Milano il 25 maggio 1998, 175 cm di altezza, nella passata stagione al CUS, nel 2018/2019 ha difeso i colori della Scuola Del Volley di Varese, in serie B1. Cresciuta nelle Giovanili dell’U.S. Cistellum Volley, a quattordici anni ha iniziato il suo cammino nei campionati nazionali tra serie B2 e serie B1. Nella stagione 2015/2016, poi, è arrivata la sua prima annata in serie A2, tra le fila del Saugella Team Monza dove è stata inserita nel roster come secondo palleggio. In quella stagione ha ottenuto, poi, la promozione  nella massima serie. Nel 2016/2017 il passaggio alla MyCicero Pesaro e una nuova promozione in serie A1 a fine anno. Tre anni fa la parentesi umbra alla Bartoccini Gioiellerie Perugia, in serie A2, dove dopo tanta gavetta ha collezionato 52 set in 22 gare.
Rebecca è studentessa del Progetto Agon, e studia Scienze Biologiche all’Università di Torino. Ama leggere e ascoltare musica.
Queste le sue parole dopo la conferma: “sono contentissima di poter far parte della famiglia del Centro Universitario Sportivo torinese per un altro anno. La scorsa stagione abbiamo creato un bellissimo gruppo e ci siamo tolte molte soddisfazioni. Ci saremmo immaginate un finale diverso, certo, ma sono sicura che questo abbia contribuito ad aumentare la voglia di tornare in palestra. Personalmente non vedo l’ora di riiniziare, di conoscere le nuove compagne, rivedere tutti e naturalmente di riprendere a lavorare in palestra. Penso che sarà davvero interessante vedere la squadra che piano piano prende forma ed entra in confidenza, sono sicura che ci divertiremo tanto e faremo di tutto per esprimere una buona pallavolo e far divertire chi ci segue”.

Serie A2 F – BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY: al centro la giovane Eleonora Batte

Si completa il reparto centrali nelle fila della serie A2 del BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY in vista della stagione 2020/2021: il nuovo volto sarà la giovane Eleonora Batte.
Classe 2000, Eleonora ha iniziato a giocare a pallavolo all’età di tredici anni al Chisola Volley dove ha disputato il campionato di U14. A partire dall’anno successivo è passata all’In Volley Cambiano per disputare il campionato di Under 16 e serie D. Successivamente è passata nelle fila del Chieri Volley, dove ha giocato in Under 18 e Serie C per due stagioni. Il secondo anno, sempre a Chieri, è stata spesso convocata nella rosa della Serie A2. Nelle ultime due stagioni ha militato in serie B1 al Parella.
Eleonora ama disegnare, leggere e viaggiare. E’ iscritta al Corso di Scienze Internazionali all’Università degli Studi di Torino.
Queste sono le sue prime parole da giocatrice del Centro Universitario Sportivo torinese: “Sono veramente felice di avere avuto questa opportunità e di giocare nelle fila cussine, e soprattutto di poter vivere questa esperienza in A2, a tutti gli effetti, per la prima volta. Confido moltissimo nel lavoro che verrà fatto da coach Chiappafreddo e da tutto lo staff. Penso che questo possa essere un anno non solo di crescita tecnica ma anche di crescita mentale, come giocatrice. Sono molto positiva, sicuramente sarà una bellissima stagione”.

Serie A2 F – Nuova conferma al centro: Noura Mabilo ancora al BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY

Noura Mabilo, per il terzo anno consecutivo, farà parte del reparto centrali del BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY. Coach Mauro Chiappafeddro potrà contare anche per la stagione 2020/2021 in serie A2, delle qualità della giovane triestina ormai torinese d’adozione a tutti gli effetti. Atleta e studentessa del Progetto Agon, è al suo terzo anno di Scienze della Comunicazione all’Università degli Studi di Torino. Nata il 22 agosto 1996 a Trieste, 183 cm di altezza, Noura è una giocatrice esperta per la categoria. Questa sarà la sua quinta stagione consecutiva in serie A2, la terza in maglia cussina. Cresciuta pallavolisticamente nel Club Italia, dove ha fatto parte della rosa per tre stagioni, dal 2012/2013 al 2014/2015, in quella successiva è diventata una giocatrice dell’Igor Gorgonzola Novara nella massima serie nazionale e, in una stagione, ha avuto la fortuna di allenarsi con tante giocatrici di altissimo livello e, in alcune occasioni, anche di giocare con fuoriclasse del calibro di Cristina Chirichella. Noura, nel corso della sua giovane carriera, ha già avuto numerose convocazioni in maglia azzurra con la nazionale pre-juniores e juniores.
Queste sono le sue parole: “per prima cosa, ci tengo a ringraziare il Centro Universitario Sportivo torinese e tutti coloro che sono intervenuti per aiutarci in questo periodo di difficoltà. Sono sicura che d’ora in avanti non daremo più nulla per scontato e sarà tutto più speciale. Mi sento fortunata ad avere la possibilità di continuare il mio percorso universitario e sportivo in una città come Torino che da due anni mi fa sentire sempre a casa, e per questo devo ringraziare il CUS in tutto e per tutto. Ci aspetta un anno difficile, magari più impegnativo degli altri, con qualche cambiamento in più dovuto a questa emergenza sanitaria; proprio per questo gli stimoli per fare bene saranno ancora più grandi. Non vedo l’ora di rivedere tutti e conoscere le nuove compagne di squadra”.

Estate Ragazzi e Camp Estivi #CUSTorino: posti disponibili per la sede di via Braccini

Continuano con grande successo le iscrizioni all’Estate Ragazzi e ai Camp Estivi del Centro Universitario Sportivo torinese.
Per la prossima settimana (6-10 luglio 2020) ancora posti disponibili per la sede di via Braccini!
Le sedi:
ALBONICO (Str. del Barrocchio 27 10095 Grugliasco TO)
PANETTI/ARTOM (Via Modesto Panetti 30, 10127 Torino)
CORSO SICILIA (Corso Sicilia 50, 10133 Torino) 
BRACCINI (Via Paolo Braccini 1,10141 Torino)

PRIMA SETTIMANA DI AGOSTO 
I camp verranno organizzati nelle seguenti sedi:
ALBONICO (Str. del Barrocchio 27 10095 Grugliasco TO)
CORSO SICILIA (Corso Sicilia 50, 10133 Torino)

Aperte le pre-iscrizioni per il mese di settembre su www.estatecustorino.it
#ripartiamodalCUS
#CUStodidelloSport

Grazie capitana!

Salutare una giocatrice non è mai facile, ma se la giocatrice in questione ti ha dato anima e cuore per sette anni diventa tutto incredibilmente più difficile. Oggi non può essere un giorno qualunque, un giorno come tutti gli altri per il Centro Universitario Sportivo torinese, perché la nostra capitanaDaniela Gobbo, laureata in Economia e Direzione delle Imprese all’Università di Torino, dopo sette stagioni al servizio della causa cussina ha deciso di appendere le ginocchiere al chiodo. 
Era il 2013 quando arrivò in punta di piedi al CUS Torino. Dopo poco tempo, però, il suo carattere, la sua determinazione e la sua serietà le permisero di scalare le gerarchie e di arrivare ad essere il simbolo di questa squadra.  Daniela e il CUS sono andati avanti a braccetto per tanti anni e si sono tolti, insieme, tantissime soddisfazioni, battagliando partita dopo partita, campionato dopo campionato, e ottenendo promozioni ritenute forse impensabili all’epoca. Oggi il CUS è una nobile realtà della serie A2 di volley femminile e Daniela la lascia come atleta, ma non come persona. Rimarrà dietro le quinte, come responsabile della sezione volley, a operare con uno sguardo attento su tutta l’attività pallavolistica cussina per provare a regalare il sogno della serie A alle tantissime atlete che in questo momento fanno parte del florido settore giovanile della società. Grazie Daniela, perché la tua serietà e la tua passione continueranno a essere una guida per molti anche lontano dal taraflex.

Il CUS Torino – esordisce Daniela Gobbo –  mi ha dato la possibilità di ricominciare da zero. Quando sono arrivata qui in serie B2 ho avuto modo di ripartire e superare alcune problematiche personali. Abbiamo fatto insieme un percorso incredibile, fatto di grande fiducia, stimoli sempre nuovi e amicizia. Oggi credo sia giunto il momento di diventare grandi. Ringrazio il presidente Riccardo D’Elicio, il DG Andrea Ippolito e il nostro Vice Presidente del Collegno Volley Davide Belluz per avermi dato la possibilità di intraprendere tre anni fa la strada dirigenziale, di avermi affidato un progetto in cui credo fortemente e che vede come protagoniste le nostre atlete del settore giovanile, future sportive e future studentesse universitarie. È sicuramente una grande responsabilità che allo stesso tempo mi regala tante soddisfazioni. Naturalmente mi mancherà il taraflex, ma soprattutto le compagne con cui ho condiviso tanto e che continuerò a supportare dal backstage“.

Atlete come la nostra capitana – dichiara il Presidente del Centro Universitario Sportivo torinese Riccardo D’Elicionon se ne trovano tante al giorno d’oggi. Uno dei nostri obiettivi principali è sempre stato quello di dare continuità a un movimento, quello cussino, che si basa su valori quali l’educazione, lo studio e la cultura del lavoro; le persone al CUS arrivano giovani, fanno un percorso di crescita e, se sposano i nostri progetti, restano e assumono ruoli ambiziosi dal punto di vista professionale. Daniela ha incarnato i nostri valori, sia in campo che fuori. Il Centro Universitario Sportivo torinese, ormai da anni in stretta collaborazione con Università degli Studi e Politecnico di Torino, sta offrendo un modello sportivo-universitario differente rispetto a tutte le altre realtà del panorama nazionale. Tante atlete vengono a giocare nella nostra società perché oltre a offrire loro un palcoscenico importante come quello della serie A2, permettiamo di continuare o iniziare da zero un percorso universitario, grazie anche e soprattutto al Progetto Agon, percorso che risulterà fondamentale una volta terminata la carriera sportiva. Al CUS si pensa, oltre al presente dei nostri atleti, anche e soprattutto al loro futuro. E Daniela ha rappresentato, rappresenta e continuerà a rappresentare lo spirito cussino per molto tempo, anche lontano dal taraflex“.

Serie A2 F – Nuovo colpo per il BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY: al centro arriva Serena Bertone

Terza new entry per la stagione 2020/2021 in serie A2 del BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY: alla corte di coach Chiappafreddo arriva Serena Bertone.
Centrale, classe 1995, ha iniziato a giocare a pallavolo all’età di sei anni, grazie ai genitori entrambi pallavolisti. Ha giocato fino all’under 16 nella società della sua città natale, la Carrarese Volley; all’età di 16 anni, stagione 2011/2012, si è trasferita al Volley Pool Piave San Donà in serie B2 e under 18 ed ha avuto l’onore di esser stata allenata per tre stagioni dall’indimenticato Giuseppe Giannetti, con cui ha vinto la medaglia d’argento alle finali nazionali under 18 (2012/2013) e, l’anno successivo (2013/2014), ha conquistato la promozione in B1. Nella stagione 2014/2015 ha approdato al Volley Soverato in A2, con Mauro Chiappafreddo, dove è rimasta sino al 2017/2018. Nelle ultime due stagioni (2018/2019 e 2019/2020) ha giocato a Pinerolo.
Serena è diplomata in ragioneria e ama viaggiare.
Queste sono le sue prime parole da giocatrice del Centro Universitario Sportivo torinese: “Sono entusiasta di iniziare questa nuova avventura e onorata di far parte di una società che negli anni si è dimostrata sempre più solida e ambiziosa. Sono molto contenta di tornare a lavorare con Mauro Chiappafreddo che mi ha già allenato a Soverato e continuare il mio percorso di crescita con lui. Non vedo l’ora di iniziare, tornare sul taraflex e conoscere le mie nuove compagne, sono sicura che ci divertiremo molto quest’anno “.

Serie A2 F – Chiara Pinto al BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY

Il BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY per la stagione 2020/2021 in serie A2 si arricchisce del talento di Chiara Pinto.
Schiacciatrice, classe 1997, con spiccate propensioni offensive è cresciuta nelle giovanili della Foppapedretti Bergamo e sempre a Bergamo ha militato una stagione in B1, per poi passare nelle tre successive sempre in B1 a Trescore Balneario; nella passata stagione ha giocato in A2 nella Futura Volley Giovani Busto Arsizio. A Torino si iscriverà alla laurea magistrale in Scienze Amministrative e Giuridiche delle Organizzazioni Pubbliche e Private, Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Torino. Chiara è appassionata di calcio ed è tifosa dell’Atalanta, in famiglia guardare la partita è una tradizione, e quando può, ama andare allo stadio con gli amici. Adora la musica, in particolare quella italiana di tutti i generi, è molto golosa e ama cucinare ogni tipo di dolce.
Queste le sue prime parole con la maglia del Centro Universitario Sportivo torinese: “Sarà sicuramente una nuova esperienza stimolante da tutti i punti di vista. Riuscire a combinare la carriera universitaria con quella sportiva di alto livello non sarà sicuramente facile, ma so che per la società è il primo obiettivo, infatti al CUS Torino ho trovato un ambiente molto preparato e attento su questo aspetto. Ho sempre affrontato il CUS da avversaria, prima in B1 e l’anno scorso in A2, e devo dire che mi hanno sempre fatto un’ottima impressione come società a livello organizzativo, sia fuori che dentro al campo. Non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura lontana dalla mia Bergamo ma vicina alla mia passione più grande, la pallavolo“.

Serie A2 – Roneda Vokshi per il quinto anno consecutivo al BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY

Prima conferma nelle fila della serie A2 del BARRICALLA CUS TORINO VOLLEY per la stagione 2020/2021: si tratta di Roneda Vokshi, al quinto anno nelle fila cussine.
Opposto classe ’95, atleta e studentessa del Progetto Agon, Roneda è una delle bandiere della formazione di volley del Centro Universitario Sportivo torinese, è stata una delle protagoniste della cavalcata trionfale dalla B1. In questi anni Roneda ha trovato la dimensione ideale per la propria formazione in ambito universitario, nello specifico in Giurisprudenza, ma anche in campo sportivo. La sua carriera è iniziata nello Junior Casale dove ha esordito in giovane età in serie B1 e proprio in questa categoria ha iniziato a giocare come opposto. In precedenza aveva ricoperto il ruolo di schiacciatrice/ricevitrice. Nel 2014 è passata al Pinerolo dove ha passato due stagioni prima di approdare nell’annata 2016/2017, quella della storica promozione in A2, al CUS Torino.
Questa la sua gioia per la riconferma: “Sono molto felice di questa riconferma perché il CUS è sempre stato presente ed importante per me. Quando dico che al CUS siamo una vera famiglia è perché penso che sia proprio così. Sara il mio quinto anno in questa società e quello che mi regala questo ambiente è molto difficile da spiegare: affetto, professionalità e crescita quotidiana. Spero di poter continuare a contribuire nel migliore dei modi all’armonia in squadra, con lo staff e con tutti coloro che hanno fatto molti sforzi per permetterci di continuare a sognare. Perché al CUS si può sognare in grande, sia dal punto di vista sportivo che dal punto di vista accademico e sono felicissima di poterlo fare stando a Torino, che ormai considero la mia città“.