BASKET
SERIE A: TORINO PAGA DAZIO AI CAMPIONI D'ITALIA
Partita incredibile quella andata di scena questa sera al PalaSerradimigni di Sassari. La Manital Torino, reduce da 3 vittorie consecutive era chiamata ad una difficilissima trasferta sul parquet dei Campioni d'Italia desiderosi, dopo una stagione altalenante, di ipotecare i playoff. Dopo 40 minuti di puro spettacolo i torinesi sono costretti ad arrendersi 112-98 davanti ad una Dinamo Sassari fenomenale dalla lunga distanza e, conseguentemente, ad interrompere la striscia vincente. I sasseresi partono subito forte e con la mano calda; Torino è brava a ribattere colpo su colpo e il primo tempo, grazie ai due ottimi ex Eyenga e Dyson, è molto equilibrato. Nel terzo periodo, però, i sassaresi cambiano ritmo; con una difesa a tutto campo molto aggressiva Akognon e compagni recuperano palloni e volano in transizione punendo da tutte le parti del campo. Le percentuali da 3 punti dei biancoblù sono impressionanti e coinvolgono tutti i giocatori (17/25). I sardi vincono anche la lotta a rimbalzo e le palle recuperate ( rimb.30/20; p.r. 8/4). La Manital prova a reagire ma il parziale di 34-21 del terzo periodo spacca il match in due e carica i sardi. Nell'ultima frazione, gli aggiustamenti in difesa dei torinesi permettono ai ragazzi di coach Vitucci di riportarsi fino al -8, ma ancora una volta le triple di Akognon e compagni ricacciano indietro le speranze dei torinesi, comunque bravi a continuare fino all'ultimo, e chiudono definitivamente il match.
La cronaca su www.auxiliumcustorino.com 
BANCO DI SARDEGNA SASSARI – MANITAL TORINO 112-98
Sassari: Petway 2, Logan 19, Formenti 12, Devecchi 8, Alexander 10, D'Ercole, Marconato ne, Sacchetti 2, Akognon 30, Stipcevic 12, Varnado 6, Kadji 11; all. Pasquini
Torino: Dyson 24, White 12, Giachetti 6, Mancinelli 10, Rosselli 4, Fantoni ne, Kloof, Bottiglieri ne, Eyenga 19, Goulding 12, Ebi 11; all. Vitucci
SERIE B: L’AUXILIUM CUS VENDE CARA LA PELLE A CENTO
Prestazione di valida cifra contro una squadra forte e desiderosa di riscattarsi per tenersi in corsa per il terzo posto. Dopo la valida prova casalinga di sette giorni prima con il Valsesia, l’Auxilium CUS mette in grossa difficoltà un’altra big del campionato. A Cento, contro una formazione in piena lotta per il terzo posto e fortemente motivata dal desiderio di riscattare il ko del turno precedente a Cecina, i cussini scontano soprattutto un passaggio a vuoto in prossimità dell’intervallo e qualche ingenuità sparsa qua e là, che ci sta visto il gap fisico e di esperienza rispetto all’avversario, ma escono dal rettangolo di gioco a testa altissima e pure con una punta di rammarico. Alcune cifre balzano all’occhio scorrendo le statistiche dell’incontro: 42 punti degli 84 centesi arrivano in area (contro i 18 dei torinesi), 27 sono frutto delle perse ospiti (ben 18 in contropiede), mentre a rimbalzo gli emiliani ne raccolgono ben 18 in più (43 a 25). A conferma che a fare la differenza è stata la robustezza e la solidità dei biancorossi. Torino comunque mette insieme discreti numeri, tirando 13/27 da due, 10/29 da tre, però purtroppo anche 24 palle perse. Nella positiva prestazione gialloblu spicca la prestazione di Alessandro Chiotti: oltre 39 minuti in campo, 27 punti, 8/11 al tiro (4/5 a due, 4/6 da tre), 7 rimbalzi, 3 assist, 9 falli subiti. Tra le file degli Universitari procede l’inserimento degli ex infortunati, che non sono ancora al meglio ma lanciano comunque incoraggianti segnali: Calabrese tiene il campo per 25 minuti catturando 6 rimbalzi anche se fatica, e tanto, nella lotta corpo a corpo, come è logico che vista la lunga lontananza dai campi; Maino ha le polveri un po’ bagnate (tira 16 volte per fatturare 16 punti), ma è comunque una presenza rassicurante per i compagni, come Dello Iacovo, che gioca poco meno di un quarto d’ora. Una tripla di capitan Maino dopo un recupero di Chiotti porta davanti per la prima volta l’Auxilium CUS al 5’: 8-10. Poi per 4 minuti l’Auxilium CUS non segna e incassa il break di 10-0 che di fatto indirizza l'incontro. In avvio di secondo quarto Chiotti, davvero una partitona la sua, riporta Torino a -6: 22-16. L’agonismo dei locali cresce di intensità di minuto in minuto e l’Aux CUS fa sempre più fatica, mettendo insieme qualche errore al tiro e qualche palla persa di troppo. Anche perché Russano è subito gravato di falli e deve riparare in panchina. Il centese Caroldi ne mette 3, poco dopo Bedetti subisce fallo e infila due liberi: 38-18 al 15’. Lo sbandamento è evidente, però Torino ha carattere e idee giuste e ritrova in fretta equilibrio. Chiotti sprona i suoi, Maino e Di Matteo ci credono e l’Auxilium CUS piazza un mini parziale di 1-9 che, complice un ottimo momento difensivo, la riporta sul 38-27. I due minuti e mezzo che mancano all’intervallo sono però tutti degli emiliani: l’allungo da 9-0, forse il vero grosso rimpianto della serata dei cussini, che concedono alcuni facili contropiede agli avversari, conduce al 47-28 del riposo. Tre minuti dopo la ripresa Andreaus trova lo spiraglio buono per punire la zona sopite: la bomba vale il +21 interno. Ritoccato poi da Bedetti al 28’. Lampo cussino poco prima della mezzora: 3 di Orsini, 2 di Dello Iacovo, 6 di fila di Chiotti, con dentro un gioco d tre punti, ancora Dello Iacovo che recupera e vola in contropiede, son il sintomo che Torino non ha alcuna intenzione di mollare. Lo strappo da 1-11 porta al 60-49 con cui inizia l’ultima frazione. Torino c’è ancora e per qualche minuto lo conferma tenendosi tra 12 e i 14 punti, poi con due liberi di Dello Iacovo rivede ancora il -11: 65-54 a 7’ dal termine. Cento controlla e sfrutta a dovere il bonus, non facendo mai avvicinare troppo gli ospiti, che comunque giocano con grinta e buone trame e raggiungono di nuovo il -11 al 37’ grazie ad un 2+1 di Calabrese. I padroni di casa, un po’ a corto di fiato nel finale, segnano comunque con regolarità dalla lunetta. Nel minuto conclusivo 3 punti di Maino e due liberi a testa di di Chiotti e Russano consentono a Torino di chiudere sul -10. Trecate lotta da par suo a Santarcangelo di Romagana ma cede alla distanza: i playout per l’Auxilium CUS distano ora una sola partita.
TRAMEC CENTO-AUXILIUM CUS TORINO 84-74
Parziali: 22-14, 47-28, 60-49
CENTO: Fontecchio 12, Bedetti 14, Contento 19, Benfatto 8, Caroldi 11, Brighi 4, D'Alessandro, Demartini 7, Andreaus 6, Locci 1. All. Giordani. 
TORINO: Russano 9, Chiotti 27, Maino 16, Panzieri, Crespi 1, Blotto, Dello Iacovo 8, Calabrese 5, Di Matteo 5, Orsini 3. All. Arioli.

RUGBY
SERIE A MASCHILE: CUS Ad Maiora battuta dal Valsugana (23-30)
Il CUS Ad Maiora Rugby 1951 perde a Padova contro il Valsugana (23-30) una partita equilibrata e riesce comunque a ottenere un punto bonus che tiene ancora viva la speranza di conquistare la salvezza. Partono bene i ragazzi di coach Lucas D'Angelo, che si portano in vantaggio al 3' con un piazzato di Bombonati (0-3). Al 5', però, i padovani vanno in meta con Caporello e Paluello trasforma (7-3). Una punizione di Paluello al 14' amplia il margine per il Valsu, ma al 19' Bombonati dalla piazzola riduce le distanze (10-6). La meta di Girardi e l'addizionale di Paluello al 22' spingono i padroni casa sopra il break (17-6). Gli ospiti reagiscono d'orgoglio e prima una meta di Dezzani, trasformata da Bombonati, e poi un calcio del numero 10 allo scadere ricuciono quasi integralmente il gap. Si va al riposo sul 17-16, con i giochi completamente riaperti. Nella ripresa ancora Paluello al 12' conferma la sua precisione al piede (20-16). Determinante al 25' l'ammonizione a Friggeri, che lascia i cussini in 14 contro 15. Nei successivi nove minuti si decide tutto, con le mete di Ramirez e Paparone (30-16). Gli universitari concludono all'attacco, andando a caccia almeno del bonus, e lo trovano nel finale con una segnatura di Ursache, trasformata da Bombonati (30-23). Un buon CUS, comunque, capace di tenere bene in mischia e di farsi valere anche in touche. Quando i match sono combattuti è destino che siano gli episodi a fare la differenza e l'inferiorità numerica nella fase calda pesa nella sconfitta biancoblù. Nelle altre partite del girone, successi del Lumezzane per 21-15 sul Rugby Udine e del Valpolicella per 29-10 sul Paese, per una classifica che vede Lumezzane e Udine a 24 punti, Valsugana a 23, Valpolicella a 22, CUS Torino a 15 e Paese a 12.
Tabellino: Valsugana Rugby Padova v CUS Torino Finale 30-23 (pt. 17-16) Marcatori: Pt: 2’ cp. Bombonati (0-3), 5’ mt. Caporello tr. Paluello (7-3), 14’ cp. Paluello (10-3), 19’ cp. Bombonati (10-6), 22’ mt. Girardi tr. Paluello (17-6), 39’ mt. Dezzani tr. Bombonati (17-13), 40 cp. Bombonati (17-16). St: 12’ cp. Paluello (20-16), 26’ mt. Ramirez (25-16), 34’ mt. Paparone (30-16), 40’ mt. Ursache tr. Bombonati (30-23) Valsugana Rugby Padova: Paluello, Ferro (26’ st. Betteto), Dell’Antonio, Calderan, Giacon (35’ st. Frezza), Stevens, Memo (9’ st. Giallongo), Girardi, Caldon (cap.) (19’ st. Chimera), Ramirez (26’ st. Trevisan), Sironi, Cazzola, Varise (15’ st. Paparone), Pivetta, Caporello (38’st. Chinchio). A disposizione: Mazzini. All. Polla Roux CUS Torino: Dezzani, Amadasi (30’ st. Bandieri), Spaliviero, Monfrino, Lozzi, Bombonati, Mantelli, Merlino, Alparone (9’st. Perrone), Spinelli, Ursache, Malvagna (35’st. Fatica), Friggeri, Racca (28’st Martina), Modonutto. A disposizione: Novello, Tomaselli, Tinebra, Fofana. All. Lucas D'Angelo Arbitro: Bertelli Man of the Match: Ramirez Punti conquistati in classifica: Valsugana Rugby Padova – CUS Torino 5 – 1 Note: st. 25’ giallo Friggeri
SERIE A FEMMINILE: cussine sconfitte dal Monza (0-41)
Al centro sportivo Angelo Albonico la compagine femminile di serie A cede con onore alla capolista Monza per 41-0, dopo aver terminato il primo tempo sotto per 19-0. Alla guida c'è Wady Garbet, che schiera Sarasso (20' st Giulia Bruno) estrema, Piovano (30' st Colò) e Sandra Guaia (25' st Ertola) ali, Monica Bruno e Romano centri, Rochas apertura, Francesca Guaia (10' st Fini) mediano di mischia, Gai, Sparavier (30' st Sparavier) e Scotto in terza linea, Masera e Belloli (20' st Maietti) in seconda, Salvatore e Malisan (25' st Zini) piloni e Hu tallonatrice. A disposizione Pantaleoni.
SERIE C MASCHILE: vittoria per i Bulls
I Bulls di C battono per 19-7 a Genova l'Amatori. La prima meta è locale, poi vanno a bersaglio Gallo e Gattiglio, con una trasformazione di Notario, e a metà gara il punteggio è di 12-7. Nel secondo tempo c'è equilibrio e i biancoblù difendono alla grande in almeno tre occasioni a pochi metri dalla linea. La reazione porta alla meta di Polla, trasformata da Notario, per il bel successo in terra ligure.

TENNISTAVOLO
SERIE A MASCHILE: sconfitta per i cussini
FRANDENT GROUP CUS TORINO - CRAL COMUNE DI ROMA  1-4
Sconfitta per i Campioni d'Italia della Frandent Group CUS Torino, 1-4 contro il Cral Comune di Roma. Manna e compagni avrebbero in effetti meritato tutt'altro esito per quest'ultimo appuntamento del campionato di A1. Il Capitano è stato l'autore del punto cussino su Di Fiore. Seretti, pur giocando molto bene, non è riuscito ad avere la meglio nè su Bisi (1-3) nè su Pavan (0-3). L'impresa vera però è stata quasi compiuta da Aschiero, il quale dalla situazione sfavorevole di 0-2 ha avuto la forza di pareggiare e perdere soltanto al quinto set il match che lo ha opposto a Pavan.

VOLLEY
Serie B1 F: COLLEGNO CUS vittoria a Busto
Il COLLEGNO VOLLEY CUS TORINO torna alla vittoria con un netto 3-0 in trasferta sul campo dell’UNENDO YAMAMAY BUSTO VA., un buon match giocato con grinta e convinzione, rischiando un qualcosa in più soltanto nel terzo parziale. Coach Bertini è sceso in campo con Di Maulo in palleggio, Valli opposto, Ortolani e Fiorio in banda, Mirandola e Bogliani al centro e Zauri libero. Utilizzate Fragonas, Capano e Gobbo. Tre le top scorer del match tutte con 10 punti: Ortolani, Fiorio e Mirandola. Si tornerà in campo mercoledì 13 aprile, per il recupero della gara contro l’IGOR VOLLEY TRECATE NO, fischio d’inizio alla Don Milani (via Roma 61, Collegno), alle ore 20,30.
UNENDO YAMAMAY BUSTO VA - COLLEGNO VOLLEY CUS TO 0-3
(11-25; 22-25; 27-29)
COLLEGNO VOLLEY CUS TORINO: Ortolani 10, Valli 5, Fiorio 10, Di Maulo 4, Mirandola 10, Bogliani 6, Zauri (L1), Fragonas 5, Gobbo (K), Capano, n.e. Bertolotto, Colletta (L2)


POLISPORTIVA MEZZALUNA
SECONDA CATEGORIA: nella trasferta contro il San Giuseppe Riva arriva l'ennesimo pareggio stagionale per la Mezzaluna
La gara valida per la 22a giornata, 9a di ritorno, del girone H di Seconda Categoria si conclude con il punteggio di 1 a 1. La partita inizia con la Mezzaluna che tiene il possesso palla, ma è il Riva a creare i primi pericoli con Colosi che al 28' salva su un calcio di punizione dal limite, mentre al 32' un contropiede dei locali crea qualche affanno ai villanovesi; sul finire del primo tempo però l'occasione più ghiotta è della squadra ospite ma Geraci calcia sul portiere che era ancora a terra dopo un intervento sul tiro di Sibona. Nella ripresa la squadra della Polisportiva di Villanova d'Asti parte più decisa e al 55' si porta in vantaggio con Miglioretti che di testa chiude un bel triangolo con Sibona; tre minuti dopo il San Giuseppe Riva resta in dieci, ma la Mezzaluna non riesce ad approfittare della superiorità numerica sfiorando il raddoppio con Scaramozzino di testa. I locali non si arrendono e trovano il pareggio su corner a sette minuti dal termine; all'ultimo minuto la Mezzaluna ha l'occasione per vincere la gara, ma Geraci non riesce ad insaccare a tu per tu con il portiere di casa.
San Giuseppe Riva-Mezzaluna 1-1