BASKET
SERIE A: LA FIAT TORINO VINCE LA TERZA CONSECUTIVA DOPO UNA GRAN SOFFERENZA A PESARO
Seconda partita del girone di ritorno per la Fiat Torino, chiamata alla trasferta contro la Consultinvest Pesaro. Nel primo quarto la Fiat Torino domina ma non capitalizza abbastanza la superiorità, chiudendo con "soli" 6 punti di vantaggio (12-18). Nel secondo quarto il film si ripete, la Fiat Torino sale a +11, poi subisce alcune soluzioni di Ceron e chiude a +8 con due punti di White (28-36). Harvey e Washington i migliori marcatori gialloblu, con 9 punti, seguiti da Wilson con 7. Ottima la difesa della Fiat Torino. Per Pesaro in doppia cifra Ceron (10). Brutto terzo quarto per la Fiat Torino che dilapida il vantaggio, nonostante un buon Wilson e si vede superare in chiusura di frazione per il 51-49. L'ultimo quarto è sconsigliato ai deboli di cuore con la Fiat Torino che viene superata ma ripassa avanti nel finale con due liberi di Wilson. Successo meritato di Torino sul 65-66 che sarebbe potuto arrivare molto prima. Altri due punti fondamentali nel cammino del girone di ritorno.
CRONACA e TABELLINO: www.auxiliumcustorino.com
SERIE C GOLD: L’AUX CUS SMETTE DI GIOCARE, TRECATE NE APPROFITTA
Il tentativo dell’Auxilium CUS di agganciare il terzo posto naufraga in uno sciaguratissimo quarto d’ora finale. Sul 42-28 i gialloblu, fino a lì protagonisti assoluti della gara, smettono completamente di giocare, concedendosi alla rimonta di un concreto e cinico Trecate, che si mette davanti già prima della mezzora e ci rimane fino in fondo. Nei secondi conclusivi Torino ha un paio di ghiotte occasioni per raddrizzare la gara ma, tra demeriti e un pizzico di malasorte, le getta alle ortiche. Tre di Campanelli, tre di Scrocco, altri tre di Campanelli, come avvio di gara non c’è male. De Paola in gancio e dalla media porta davanti i ticinesi per la prima volta sul 6-9. I ritmi sono sostenuti, le squadre alternano entrambe uomo e zona, Torino prova a correre ma segna soltanto dalla lunetta, gli ospiti impattano con Lanza in maniera fortunosa allo scadere dei 24 secondi: 15-15 al 9’. I primi due minuti del secondo periodo sono tutti di Crespi: dapprima pronto a giocare a due con Chiotti, quindi ad appoggiare di prepotenza il 21-17. Torino è efficace in difesa, raccoglie rimbalzi su rimbalzi e apre con rapidità il gioco sull’altro fronte: Conti sfrutta appieno uno spazio concessogli sul perimetro e ne mette dentro tre, imitato poco dopo da Di Matteo, che poi tira ancora in faccia a Scrocco da oltre l’arco e infine recupera un rimbalzo in attacco e offre a Crespi l’assist del 29-19. Il Trecate vacilla ancora sotto i colpi di Conti: tripla dall’angolo, 32-21. Torino per 3 volte fallisce l’allungo. E Negri la castiga ad un passo dalla sosta: 32-23. La ripresa inizia nel segno di Di Matteo, in gol da fuori, da sotto, in rovesciata dopo aver sfidato la difesa trecatese sulla linea di fondo, e ancora in contropiede su assist di Russano: 42-28 al 25’. Il Trecate è già passato a zona da un paio di minuti ma i frutti inizia a raccoglierli solo a questo punto. Torino smette di colpo di segnare, smette soprattutto di difendere e di conseguenza smette di esistere dentro alla gara. Per 6 lunghissimi minuti i gialloblu assistono alla partita dell’avversario, perdendosi in palleggi (troppi) e timidezze (troppe) contro una 2-3 che concede pochi spiragli, addirittura nessuno dentro, ma che beneficia anche, e tanto, della scarsa lucidità degli attaccanti di casa. Senza trovare grandi contrasti Bassi, Cavallaro e Mamone bucano a ripetizione la sguarnita retroguardia cussina, Scrocco sorpassa sul 42-44 e chiude un tremendo break di 0-16. Pure i ticinesi stentano a credere a tanto ben di Dio, ma nella rimonta ci mettono tanto del loro. E, dopo il pareggio a quota 44 di Chiotti, vincono di fatto la gara con le bombe di Scrocco e Lanza: 44-50. In balìa dell’avversario ma anche tanto delle proprie titubanze, Torino continua a circumnavigare la zona, costruendo tiri forzati e spesso fuori ritmo. Dall’altra parte il Trecate è ancora padrone del vapore: Scrocco si alza da tre e subisce fallo: il 2 su 3 dalla lunetta porta gli ospiti sul 44-52. Di Matteo e Russano provano a rimediare alla frittata e riportano l’Aux CUS ad un tiro: 51-54. Quando mancano 2 minuti esatti alla fine la storia sembra riaprirsi: Campanelli s’inventa l’acrobazia del 53-54. Sulla pronta replica ospite Russano va in lunetta: 1 su 2, 54-56 a 90 secondi dalla fine. Il successivo attacco ticinese sfocia in una persa, sul ribaltamento Chiotti si butta dentro a 40 secondi dalla fine e subisce fallo, ma ricadendo è colto da crampi ed è costretto ad uscire. Conti entra a freddo a tirare i due liberi: 0 su 2. Il Trecate potrebbe chiudere il conto, Colombo però perde malamente a metà campo, concedendo il tiro del pareggio o della vittoria all’Aux CUS. L’azione gialloblu, a 8 secondi dall’epilogo, sfocia in un passaggio a Ripepi, libero libero sul lato medio destro: l’ala gialloblu potrebbe anche penetrare e andare a prendersi un fallo (magari condito con il canestro), ma sceglie la conclusione. Il tiro sbecca il secondo ferro, rimbalzo di Cavallaro e fallo immediato dei torinesi. L’1 su 2 (54-57) lascia 4 secondi ai padroni di casa per il tiro del supplementare. Dopo un time-out la rimessa porta la sfera nelle mani di Di Matteo che ha il tempo di alzarsi, ma la parabola è corta e muore nelle mani della difesa.
AUXILIUM CUS TORINO-BASKET CLUB TRECATE 54-57
Parziali: 17-17, 32-23, 42-44
TORINO: Marengo 6, Chiotti 4, Russano 3, Bottiglieri, Ripepi, Di Matteo 14, Fantolino, Campanelli 13, conti 8, Bianchelli, Crespi 6, Nicoletti n.e. All. Arioli.
TRECATE: Fant n.e., Romano n.e., Cavallaro 4, Colombo 5, Bassi 4, Scrocco 20, Mamone 6, Negri 6, Lanza 6, Lamera n.e., Leqejza, Di Paola 6. All. Zanotti.

HOCKEY SU PRATO
SERIE A FEMMINILE: Motorglass CUS Torino chiude primo nel girone di Indoor League
Il Motorglass CUS Torino chiude il girone di Indoor League femminile a punteggio pieno e si qualifica come prima del girone per le final-eight che assegneranno lo scudetto nel weekend del 24/25/26 febbraio a Pisa. Nuovamente a ranghi completi, visti i rientri di Agata Wybieralska ed Eleonora Di Mauro dalla trasferta di World League con la nazionale italiana, le biancoblu portano in panchina ma non schierano solo Luana Ceppa, fermata da un problema alla schiena. Nel concentramento di casa, terzo ed ultimo del girone, le cussine ottengono altre due vittorie, superando la Lorenzoni Bra per 2-0 e la Moncalvese con un netto 8-0. Contro le neroturchesi, il Motorglass CUS Torino si impone grazie ad un gol per tempo di Eleonora Di Mauro, asisstita sempre dall'italo-ucraina Maryna Vynohradova. Tante le occasioni da gol create ma manca ancora un po' di concretezza sotto porta. Quello che non manca invece è il portiere, con una Sara Sorial sugli scudi, autrice di una super prestazione. Senza storia invece la sfida alla Moncalvese, seconda forza del girone e qualificata insieme alle cussine alle finali di Pisa. La partita finisce di fatto in appena 5 minuti. La protagonista ha un nome e un cognome: Raquel Huertas. E' lei a spaccare in due il match procurandosi e trasformando il rigore in avvio, raddoppiando subito dopo e mettendo lo zampino anche nel terzo gol, firmato da Vynohradova. La top scorer della partita è però una giovane cresciuta nel vivaio cussino, Iman Raghibi, tre volte a segno. In gol per il secondo concentramento consecutivo anche l'altra baby, Carlotta Boasso, classe 2000. Completa il tabellino il gol di Eleonora Di Mauro, al quinto centro con la maglia del CUS. Anche questa volta molto bene anche tutte le altre, da Lyudmyla Vyhanyaylo ad Agata Wybieralska con la loro qualità e quantità, a Lorena Di Bello, sempre sicura, ordinata e precisa. Al capitano Aurora Micheli è mancato solo il gol a coronamento di due prestazioni da incorniciare in una giornata iniziata con la premiazione da parte dell'Assessore allo Sport del Comune di Nichelino, Diego Sarno, per aver rappresentato la sua città ai recenti Europei Under 21 di Vienna.

RUGBY
SERIE B MASCHILE: il CUS Ad Maiora travolge il Rovato (62-10)
Dopo il successo di misura conquistato a Lecco, il CUS Ad Maiora Rugby 1951 ha ricominciato a macinare mete e ha travolto per 62-10 il Rovato, in un match già deciso nel corso del primo tempo. I biancoblù hanno tenuto testa in mischia alla fisicità degli ospiti e non appena hanno allargato il gioco non hanno trovato ostacoli. C'erano un freddo umido e pungente e una leggera foschia al centro sportivo Angelo Albonico per il ritorno a casa dei ragazzi di coach Lucas D'Angelo, che nelle ultime due settimane avevano sostenuto altrettante trasferte. Esordio da titolare per il 18enne Andrea Campagna nel ruolo di mediano di mischia, in sostituzione di Elia Mantelli. Gli universitari sono partiti all'attacco e già al 4' sono passati in vantaggio con un piazzato di Reeves, concesso dall'arbitro per un fuorigioco (3-0). Sono trascorsi due minuti e Lozzi è andato in meta in velocità, con la conseguente trasformazione di Bombonati (10-0). I bresciani hanno avuto a disposizione una punizione al 9', che è stata però fallita da Ciserchia. Bella avanzata all'11' di Amadasi, che prima del placcaggio ha calciato in touche, non concretizzata. Lozzi al 12' è scattato ai 22 metri e con uno spunto irresistibile è corso a realizzare (15-0). Al 16', su azione di touche ai 5 metri, la maul ha fatto il suo dovere e e Nicita ha schiacciato oltre la linea. L'addizionale di Reeves ha siglato il 22-0. I bresciani hanno rotto il ghiaccio al 19' dalla piazzola con Ciserchia (22-3). Ursache al 24' ha operato uno spunto tutto potenza e quasi da metà campo è andato a prendersi la soddisfazione personale. Preciso ancora Reeves per il 29-3. Al 31', su mischia avanzante, la palla è uscita nuovamente per il numero 8, che si è lanciato con successo verso la doppietta (trasformata da Reeves per il 36-3), che al 35' è diventata tripletta. Il vicecapitano ha infatti calciato a seguire, ha controllato al volo l'ovale e l'ha deposto in meta in mezzo ai pali. La trasformazione di Reeves ha fissato il punteggio all'intervallo (43-3). Nel secondo tempo sono fioccate le sostituzioni e al 7' il Rovato ha ottenuto la meta con Ceretti, trasformata da Radetic (43-10). Al 15', avendo i lombardi esaurito le prime linee in panchina, al posto del tallonatore Frassine è entrato il terza linea Manenti e da quel momento si è giocato con la mischia no-contest, senza contesa del pallone. Al 16' e al 33' è andato a bersaglio Fatica (Reeves ha inquadrato i pali sul primo dei due tentativi per il 55-10) e proprio allo scadere il sigillo è stato opera di uno slalom di Lozzi, che ha fatto impazzire la difesa avversaria e ha consentito a Reeves una comoda trasformazione (62-10). I cussini sono saliti a 54 punti e hanno portato a dieci lunghezze il vantaggio sul VII, che ha espugnato il campo del CUS Milano per 23-16. Alla ripresa del campionato, fra tre settimana, sarà derby.
TABELLINO: CUS Torino vs Rugby Rovato 62-10 (pt. 5-0)
Marcatori: p.t. 4’ cp. Reeves (3-0); 6' m. Lozzi, tr. Bombonati (10-0); 12’ m. Lozzi, (15-0); 16’ m. Nicita, tr. Reeves (22-0); 19’ cp. Ciserchia (22-3); 24' m. Ursache, tr. Reeves (29-3); 31' m. Ursache, tr. Reeves (36-3); 35' m. Ursache, tr. Reeves (43-3); s.t. 7’ m. Ceretti, tr. Radetic (43-10); 16' m. Fatica, tr. Reeves (50-10); 33’ m. Fatica (55-10); 41’ m. Lozzi, tr. Reeves (62-10).
Cus Torino: Amadasi (1' st Ferrari), Alessandrini (12' st Morabito), Bianco, Reeves, Lozzi, Bombonati, Campagna, Ursache, Merlino, Spinelli (1' st Polla), Perrone, Toresi (1' st Fatica), Nicita (12’ st Piras), Racca (1' st Martina), Novello (18' st Modonutto). All.: Lucas D'Angelo
Rovato: Ciserchia, Radetic, Goffi, Curione (33' pt Ceretti), Loda, Marco De Carli, Carlo De Carli, Pagani (30' st Buizza), Volpini, Marini, (17' st Galli), Byaoui (38' st Tavelli), Fratus, Blagojevic (8' st Barrai), Frassine (15' st Manenti), Siverio (37' pt Garofalo). All.: Alessandro Geddo.
Arbitro: Michael Baldazza (Cesena)
Assistenti: Francesco Orsini e Santi Carrubba (Torino)
SERIE A FEMMINILE: le ragazze cedono con onore (10-34) alla capolista Colorno
La squadra femminile di serie A era impegnata in casa della capolista Colorno e ha giocato a viso aperto, chiudendo il primo tempo in svantaggio per 15-5 e cedendo alla fine per 34-10, con le mete di Giulia Bruno e Francesca Fini. Wady Garbet e Antonio Campagna hanno schierato Piovano (st Guerreschi), Pantaleoni (st Ertola), Sarasso, Gronda, Giulia Bruno (st Bettio), Rochas, Fini (st Francesca Guaia), Sparavier, Candellieri, Scotto (st Ponzio), Maietti (st Pagano), Masera, Salvatore, Zini (st Barbara Tombolato), Malisan (st Hu). Prima dell'inizio del match è stato osservato un minuto di raccoglimento per onorare la memoria di Piero Bovone, presidente, fondatore e giocatore del Rugby Novi, società tutorata dal CUS Ad Maiora, che è mancato in settimana.
SERIE C: pareggio per i Bulls
I Bulls di Dragos Bavinschi hanno iniziato la fase di passaggio in serie C e hanno pareggiato per 12-12 a Genova contro l'Amatori. Dopo aver terminato i primi 40' sullo 0-12, i biancoblù hanno rimontato con le mete di Alparone e dello stesso Bavinschi, trasformata da Notario.

TENNISTAVOLO
SERIE B1 MASCHILE: B1 vincente a Verres
Nel match che ha visto opposti il FRANDENT CUS TORINO al TT Libertas Verres "Don Timperi" non bisognava badare al sottile ma cercare di ottenere una vittoria, in maniera tale da allontanare la zona più critica della classifica, vincendo con una delle pretendenti all'obiettivo salvezza. Così è stato ed il risultato finale di 5-1 in favore cussino ne è una prova inequivocabile. Aldilà dell'assenza di alcuni pongisti titolari nella squadra avversaria, ciò che ha impressionato di più è stata la dimostrazione di forza e carattere del FRANDENT CUS TORINO, avvalorata ancora di più dal fattore campo esterno. Non è un caso infatti il ritorno al successo di Ferrara, che ha avuto la meglio su Margarone per 3-2, dando il via all'intera sinfonia. Subito dopo un super-Cordua, in crescente e costante ascesa (non è più una novità ormai), si è concesso il vezzo di regolare l'evergreen Grano e lo stesso Margarone, entrambi per 3-1. La ciliegina sulla torta l'ha regalata il fuoriclasse Sych, che ha regolato la leggenda Xu Fang per 3-2 (15-13), partendo da uno svantaggio di 0-2 e conducendo un match dalle molteplici emozioni e sicuramente non adatto ai deboli di cuore; il cussino ha poi regolato anche Grano per 3-0. Peccato per Ferrero, che nulla ha potuto contro lo strapotere di Xu Fang, cedendo per 3-0, pur giocando con tanta grinta e cuore. Prossimo impegno: sabato 11 febbraio alle ore 18,00 in casa, contro il TT Lomellino - Studio Bianchi Vigevano.

VOLLEY
SERIE B1 F: impresa spettacolare per il BARRICALLA CUS COLLEGNO TO, battuta anche la capolista PROPERZI VOLLEY LODI
Un BARRICALLA CUS COLLEGNO TO immenso vince anche contro la prima della classe il PROPERZI VOLLEY LODI, al tie-break dopo oltre due ore di gioco. Una grande prestazione, grintosa e determinata, macchiata soltanto dal brutto infortunio al setto nasale del libero Rossana Zauri durante il terzo set. Coach Marchiaro è sceso in campo con Morolli in palleggio, Vokshi opposto, Fragonas e Fiorio in banda, Gobbo e Bogliani al centro e Zauri libero. Utilizzate Migliorin, Brussino, Damaschin e Courroux. Top scorer dell’incontro Vokshi con 18 punti, seguita da Fiorio con 17 e Bogliani 14. Ottima partenza sin dal primo parziale con Collegno in vantaggio prima 16-15, poi 21-16 per chiudere 25-20. Nel secondo Lodi recupera e si impone 13-25. Nel terzo Collegno è inizialmente in vantaggio 8-6 ma Lodi recupera 11-16, a questo punto del set si assiste all’infortunio del libero cussino Zauri al setto nasale a causa di uno scontro con una compagna, subentra al suo posto la giovane Damaschin, classe 1998; chiude Lodi 22-25. Nel quarto il Barricalla torna in campo determinato, in vantaggio prima 16-10 poi 21-18 chiude 25-21. Il tie-break è un monologo collegnese; al cambio di campo capitan Gobbo e compagne sono in vantaggio 8-4 e chiudono il set 15-6 conquistando questa sudata e difficilissima vittoria. “Una serata molto importante impreziosita da un palazzetto pieno e da un tifo spettacolare – dichiara coach Marchiaro – un brutto infortunio per Zauri ha macchiato questa bella vittoria, sostituita egregiamente dalla giovane Damaschin. Un contributo molto importante ed un’ulteriore dimostrazione di compattezza e solidità di squadra, di organico e di crescita. Grazie a questa vittoria abbiamo una conferma ulteriore di sintonia di gioco; cercavamo un riscatto dopo la prestazione dell’andata e siamo riusciti a raggiungerlo. Siamo cresciuti tecnicamente, tatticamente e fisicamente, soprattutto questo ultimo fattore è stato fondamentale e penso che da qui a fine anno sarà molto importante per distinguere le piccole differenze che ci sono tra queste formazioni di alto livello”. Da ricordare che il team cussino sostiene la campagna di iscrizioni a ‪JUST THE WOMAN I AM, evento che si terrà domenica 5 marzo in Piazza San Carlo a favore della ricerca universitaria sul cancro. Durante gli incontri casalinghi, sino a tale data, si potrà effettuare l’iscrizione all’evento e sostenere la ricerca universitaria (www.torinodonna.it).
Sabato 4 febbraio trasferta per il BARRICALLA CUS COLLEGNO TO sul campo dell’IGOR VOLLEY TRECATE NO; fischio d’inizio alle 17.00 al Pala AGIL, via Manzoni 31, Trecate (NO).
BARRICALLA CUS COLL.TO - PROPERZI VOLLEY LODI 3-2 
(25-20; 13-25; 22-25; 25-21; 15-6)
BARRICALLA CUS COLLEGNO: Morolli 5, Vokshi 18, Gobbo (K) 7, Bogliani 14, Fragonas 2, Fiorio 17, Zauri (L1), Migliorin 8, Brussino 2, Damaschin (L2), Courroux, n.e. Daffara, Siviero
All.: Marchiaro – Bonessa
SERIE C MASCHILE: sconfitta per il CUS Torino
CUS TORINO - VILLANOVA VBC MONDOVI'  1-3
(25-19; 25-21; 16-25; 25-14)