<<Senza lo sport non c’è formazione per i giovani e la nostra società sarebbe più povera di valori e con un futuro ancora più incerto>>. Lo sport come strumento di aggregazione, di integrazione sociale e di rilancio culturale: questo il messaggio inaugurale del Presidente CUS Torino Riccardo D’Elicio al taglio del nastro del nuovo impianto sportivo di via Artom 14/a che si è svolto venerdì 19 maggio alle 11,30.
<<Senza il Sistema Universitario e la Città di Torino questo progetto non avrebbe mai preso vita. Ci abbiamo lavorato per un anno, da quando il 24 giugno 2016 abbiamo vinto il bando per la gestione dell’impianto. Mi riempie di soddisfazione vedere quanto questa Circoscrizione abbia lavorato per rendere questa realtà, in origine in un contesto sociale difficile, in divenire>>.
L’impianto di via Artom, ex Asd Guido Rossa, sarà interamente dedicato alle Arti Marziali, alla Danza Sportiva e alla Boxe; 980 mq suddivisi tra palestra principale per le discipline da combattimento di 360 mq, area boxe (120 mq) e area danza sportiva (180 mq). Un campo da beach volley esterno completa l’offerta sportiva, a cui si affianca un’area giochi per bambini e il dehor del bar-ristorante di prossima apertura.
La manutenzione straordinaria dell’impianto, in disuso da oltre un anno, lo ha restituito alla cittadinanza e si inserisce in un’ottica di completamento dell’offerta sportiva già presente nel centro sportivo di via Quarello, dove si può praticare Grappling Open, Aikido Open, Kick-boxing- Thai boxe open, Lotta olimpica, Lotta agonistica e preagonistica e Jeet Kune Do. Questo consentirà la realizzazione di un vero e proprio distretto sportivo dedicato alle discipline da combattimento e aprirà nuove prospettive anche rispetto alle Arti Marziali Miste. Inoltre la collaborazione tra la palestra Akiyama di Settimo e il CUS Torino garantirà la formazione tecnica degli atleti del Judo.
Presenti all’inaugurazione molte delle istituzioni cittadine, tra cui Bartolomeo Biolatti, Vice Rettore per la valorizzazione del patrimonio edilizio dell’Università degli Studi di Torino: <<L’impegno del nostro Ateneo è rivolto alla valorizzazione e all’implementazione dell’attività sportiva, soprattutto all’interno delle realtà studentesche. Tra i nostri obiettivi futuri l’inserimento di un impianto sportivo nel nuovo Campus Universitario di Grugliasco>>.
L’Assessore allo Sport della Regione Piemonte Giovanni Maria Ferraris ha sottolineato l’importanza dello sport tra i giovani: <<Lo sport aiuta a crescere meglio e ad avere equilibrio. Per realizzare progetti come questo di via Artom bisogna avere coraggio e il CUS Torino ha dimostrato di averne>>.
Dello stesso avviso Romano Borchiellini, Vice Rettore per la Logistica, l'Organizzazione e le Infrastrutture del Politecnico di Torino: <<L’impegno per chi opera in ambito pubblico non è facile, l’impianto di via Artom è un grande risultato che consolida il legame tra sport e sistema universitario>>.
La Presidente della Circoscrizione 2 Luisa Bernardini ha ringraziato a nome dei cittadini il CUS Torino: <<Da oltre un anno i cittadini ci chiedevano come mai l’impianto sportivo fosse chiuso e abbandonato. Per noi è stato un sollievo sapere che sarebbe tornato a nuova vita. Ora Mirafiori Sud ha una nuova realtà sportiva insieme con quella di via Panetti e via Quarello e si conferma area a vocazione sportiva. Siamo contenti di questa nuova sinergia che si è aperta con il CUS Torino per promuovere lo sport>>.
Presente all’evento anche Mauro Laus, presidente del Consiglio Regionale del Piemonte: <<La politica deve fare di più affinché aumentino i tagli dei nastri degli impianti sportivi. Lo sport è inclusione sociale, relazioni sociali e promuove comportamenti virtuosi, ma rappresenta anche sviluppo e crescita di una Comunità. Il CUS Torino contribuisce affinché tutto questi diventi realtà>>.
Tra le istituzioni presenti anche il direttore Generale dell’Università degli Studi di Torino Loredana Segreto, il Generale Fabio Contini comandante della Guardia di Finanza del Piemonte, il Generale Gioacchino Angeloni comandante provinciale della Guardia di Finanzia di Torino, il Colonnello Riccardo Martusciello del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell'Esercito di Torino, Fabrizio Marchetti presidente Fijlkam Piemonte, Patrizia Giordanengo vice presidente Fijlkam settore Karate, Vittorio Benso del Comitato Regionale Piemonte Lotta.
La giornata d’inaugurazione del nuovo impianto sportivo di via Artom, in concessione al CUS Torino per otto anni, ha visto le esibizioni degli atleti CUS Torino delle sezioni Arti Marziali, Danza Sportiva e Boxe. Lotta, Karate, Judo, Pugilato, Danza Sportiva e Beach Volley saranno le punte di diamante di via Artom, discipline in crescita che stanno regalando al CUS Torino grandi risultati. Gli ultimi successi in ordine di tempo sono dell’atleta cussina della Lotta femminile Sara Da Col che ha conquistato la medaglia di bronzo ai Campionati Europei Senior. Per la disciplina del Karate si sono esibiti Michele Martina, argento agli Europei Under 21 di Karate e Francesca Cavallaro, campionessa italiana Juniores e vice campionessa italiana assoluta. Entrambi gli atleti cussini vestono la maglia azzurra e fanno parte del progetto Agon, che quest’anno metterà a disposizione ben 24 borse di studio destinate a diverse discipline sportive. Il progetto è nato dalla sinergia tra CUS Torino, Politecnico e Università ed è ormai una realtà consolidata da oltre dieci anni nel panorama universitario.
<<Bisogna pensare a un progetto di riqualifica delle palestre e degli impianti in disuso, per restituire alla cittadinanza il patrimonio sportivo e culturale che possa accompagnare i giovani nel loro percorso di formazione. In questo contesto via Artom, insieme con via Panetti e via Quarello rappresenta uno dei poli sportivi più grandi della città>> ha concluso il Presidente CUS Torino Riccardo D’Elicio.